Home » Curiosità » Anabolizzanti: quello che nessuno ti dice!
Bodybuilding dietary supplements

Anabolizzanti: quello che nessuno ti dice!

il-vincitore-lo-cattura-tutto-di-metallo-6404933I vincitori piacciono a tutti e a tutti piace essere dei vincitori, non è uno slogan pubblicitario ma semplicemente un dato di fatto.

I migliori atleti di varie discipline risultano assai popolari e guadagnano soldi a palate.

In una logica dove regna la legge del più forte, non sorprende che sempre più atleti usino tutti i mezzi a loro disposizione per aumentare il loro rendimento, anche con metodi illegali o addirittura pericolosi per la salute.

Il metodo illegale per eccellenza (e allo stesso tempo pericoloso per la salute) è rappresentato dall’assunzione di steroidi anabolizzanti.

download (1)Solitamente si sente parlare di anabolizzanti, solo quando qualcuno di questi atleti, risulta positivo ai controlli antidoping.

Ma l’uso di anabolizzanti non appartiene soltanto al mondo dell’agonismo, è ampiamente diffuso anche tra gli amatori che non essendo soggetti ai controlli antidoping, possono ricorrere a queste sostanze in modo addirittura superiore rispetto agli atleti professionisti.

Si stima che, al giorno d’oggi, un giovane su dieci abbia provato gli anabolizzanti e pare che la pratica sia ampiamente diffusa anche tra le donne.

Probabilmente uno degli sport dove l’uso di anabolizzanti raggiunge l’apice, in quanto massima espressione muscolare dal punto di vista estetico, è il bodybuilding.

Nella maggior parte dei casi, chi vince una gara di bodybuilding attualmente, non è l’atleta con la forma, la proporzione e la simmetria migliori, nè l’atleta esteticamente col corpo più armonico (come avveniva un tempo), quanto l’individuo più grosso e definito, due caratteristiche che hanno molto a che fare con l’uso di farmaci.

images (1)Strano a dirsi ma Joe Weider il padre del bodybuilding, nel 1989 affermava: “la IFBB si è mossa per vietare ai bodybuilder l’uso dei farmaci anabolizzanti…in tutte le gare nazionali e internazionali i bodybuilder sono sottoposti ai test antidoping e agli atleti sorpresi ad assumere farmaci sono applicate pene severe… Sono entusiasta della mossa della IFBB… Anche se non c’è dubbio che funzionino gli steroidi anabolizzanti producono effetti collaterali gravi e pericolosi… e non è etico usare un aiuto artificiale per sconfiggere un altro atleta che non ne fa uso”.

Qualcosa però da quel lontano 1989 deve essere andato storto, perchè oggi gli steroidi anabolizzanti si sono sparsi a macchia d’olio con prodotti sempre più raffinati ed efficaci, in grado di costruire atleti dall’aspetto di super eroi dei fumetti.

Cerchiamo dunque di capire meglio cosa sono gli anabolizzanti, come funzionano, quali sono gli effetti collaterali e soprattutto cerchiamo di capire se il gioco vale la candela.

Gli anabolizzanti sono per lo più prodotti delle industrie farmaceutiche e furono introdotti negli anni 1950 per curare determinate malattie come l’atrofia muscolare e l’anemia.

Nei primi anni 1960 molti preparatori atletici iniziarono a far utilizzare gli anabolizzanti ai loro atleti, convinti che dosi massicce di queste sostanze potessero aumentare gli effetti  mascolinizzanti negli uomini adulti e da allora tale pratica si diffuse sempre più fino ad arrivare a prodotti più sofisticati.

downloadTutti si ricorderanno di Ben Johnson che nel 1988, ai giochi olimpici di Seul  vinse la finale dei 100 metri piani stabilendo il nuovo record del mondo in 9″79 e tre giorni dopo fu quindi squalificato per positività al test antidoping, con il conseguente annullamento della vittoria e del record.

Nel 2004 sono emerse testimonianze di abuso sfrenato di anabolizzanti da parte di Barry Bonds, giocatore dei San Francisco Giants e di altri giocatori di baseball. Inutile dire che tali dichiarazioni gettarono lo scompiglio nell’ambiente e tra i tifosi della Major League.

Senza andare oltre oceano tutti ci ricordiamo del caso Pantani e di molti moltissimi altri casi divenuti celebri a causa di squalifiche per doping in varie discipline sportive.

L’uso di anabolizzanti sulla carta è stato bandito anche dalla maggior parte delle gare internazionali di atletica ma questo non sembra scoraggiarne l’utilizzo.

Riguardo Daniele Bertaggia

Daniele Bertaggia
La mia missione è quella di diventare un punto di riferimento per le persone che intendono mettersi in forma nel rispetto della salute: per coloro che desiderano semplicemente perdere peso, per gli sportivi che vogliano migliorare le performance nello sport che praticano, per tutte le persone che vogliono migliorare le proprie condizioni psico-fisiche in modo assolutamente naturale.

Potrebbe Interessarti Anche

EMANUELE BRUTTI STORIA DI UN CAMPIONE

Emanuele Brutti è nato il 01 Maggio 1971, in un giorno di festa, la Festa …

2 Commenti

  1. Non so non capisco perché’ ci sono “” esseri “” fuori totalmente dal mondo….comprendo lo stimolo economico nell’ipotetico gareggiare,l’euforia data dagli steroidi,ma sanno benissimo le conseguenze a certi livelli mortali ma ciò’ non li frena …..e se prendono coscienza ,smettendo si afflosciano lasciando pelle e muscoli rachitici……Io ho 63 anni di costituzione meno della media riesco ad cimentarmi sugli ” anelli”” questo perché’ non ho mai riempito di liquidi i muscoli con anabolizzanti….appesantendo,mantenendo ancora nei prossimi anni la miglior forma fisica possibile

    • Daniele Bertaggia

      L’esercizio infatti dovrebbe permettere di arrivare forti, in longevità consentendoci di fare le cose che amiamo il più a lungo possibile e di condividerle con i nostri cari. Complimenti per i tuoi risultati Marco, avanti così!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *